LA SIBILLA APPENNINICA

The Sibyl of the Appennines

La “pro loco “ di Montefalcone Appennino ha promosso la pubblicazione di un libro divulgativo della leggenda della Sibilla appenninica e della sua grotta nel monte che da lei ha preso il nome.

                Nel libro sono riportati i testi del V° libro del “ Guerrin meschino”, romanzo popolare in 8 libri scritto da Andrea da Barberino nel 1410, nell’edizione veneziana del 1567 (che tra le tante rappresenta ancora la versione originaria) e “Le paradis de la reine Sibylle” scritto in francese da Antoine de la Sale nel 1420 e resoconto cavalleresco di un viaggio dell’autore a Montemonaco e alla grotta della Sibilla ,tradotto in italiano dal prof. L. Pierdominici dell’università di Macerata.

                Entrambi i racconti sono stati tradotti in inglese dal prof. J. Richards di Montefalcone Appennino onde favorire la conoscenza delle tradizioni popolari dei monti Sibillini ai tanti stranieri, turisti e residenti più o meno saltuari che li frequentano,ma anche per favorire (con la traduzione inglese a fronte di quella italiana)l’apprendimento dell’inglese attraverso quello delle nostre radici culturali.

                Il libro,presentato al festival “Le parole della montagna “ di Smerillo e nel pre-festival di Montefalcone,che si presenta in formato tascabile di 139 pagine con un prezzo di copertina di € 12,ha ricevuto un contributo regionale per la valorizzazione e internazionalizzazione della cultura locale.

                Il testo è pubblicato anche in e-book e viene distribuito, oltre che nelle librerie, dalla  ” pro loco” di Montefalcone Appennino  e può essere ordinato alla Casa Editrice Simple di Macerata al prezzo di copertina di €12,00.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>